Visualizzazione post con etichetta 2012. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta 2012. Mostra tutti i post

05 mar 2013

The Sensibles - 2012 - The Sensibles


Quando si parla di 7'', autoproduzione e semplicità, per quanto mi riguarda, bisogna apprezzare SEMPRE, indipendentemente dal risultato. Per fortuna, con i The Sensibles, si va oltre: lo spirito DIY di questa produzione è senza dubbio un tocco di classe ma in questa release c'è anche tanta qualità per una band ormai rodata, attiva dal 2009 e che si sta facendo apprezzare ultimamente anche fuori dal Bel Paese.
Dopo una discreta attività live in giro per il Nord-Italia negli anni precedenti, il 2012 è stato, senza dubbio, l'anno decisivo per la band: cambio di line-up alla chitarra e alla batteria, un bel tour negli USA e la prima release ufficiale di cui mi appresto a parlarne.
Registrato al CB Studio nel maggio 2012 e mixato al Tup Studio, il mese di luglio ha visto la pubblicazione ufficiale del disco, con una prima tiratura di 300 copie numerate a mano.
La grafica del disco è stata curata da Stella, cantante della band (date un'occhiata al suo blog!) con la complicità di Raffaele e Claudia Carrieri. Le foto dei 4 "sensibili", presenti sul foglietto dei testi, invece sono state scattate da Laura Donati.
I pezzi presenti in questo vinile, esprimono in pieno il sound che la band riproduce fedelmente anche dal vivo e che ho avuto modo di apprezzare molte volte (qui c'è un live report) : punk-rock tinteggiato di power-pop ma che per fortuna non ha nulla a che vedere con quel terribile revivial che sembra andare tanto in voga ultimamente. Dovendo azzardare un paragone direi che mi ricordano i The Muffs ma anche quelle simpatiche giappo delle Shonen Knife.
E' un disco che ho ascoltato tanto e con piacere: personalmente gradisco maggiormente quando i ragazzi spingono decisamente sull'acceleratore, non è un caso che le mie preferite siano Open Book e Denny, tracce d'apertura di entrambi i lati.
In attesa del primo full length (2013??), mi sento di consigliare questo 7'', e se proprio non vi fidate del mio parere potete sempre dare almeno un ascolto al disco tramite la loro pagina bandcamp, difficilmente resterete delusi.

» ENGLISH VERSION «


Track List:

01 - Open book
02 - John Bambi
03 - Denny
04 - Dino

Band:

Stella - Voice
Giacomo - Bass
Fili - Guitar
Ga - Drums

26 dic 2012

The Manges/The Apers - 2012 - The Manges Play the Apers, The Apers Play The Manges



Per promuovere il recente tour che ha visto The Apers e The Manges "conquistare" il Giappone, il meglio del meglio del punk-rock europeo, consolida l'unione con uno split in edizione limitata curato dalla label nipponica DUMB Records, organizzatrice anche del tour.
Sfruttando quindi i saldi natalizi (scemo chi non l'ha fatto!) della Monster Zero, parte quindi un super-ordine comprendente questo bel 7'', vera e propria chicca per collezionisti.
La grafica è stata curata da Mass Mosrite, bassista dei Manges; mentre il mostriciattolo in copertina è l'ennesima figata di Riccardo Bucchioni
L'idea alla base dello split, (intuibile dal titolo) è abbastanza semplice:  le band si tributano reciprocamente completando poi il proprio lato con una cover dei Ramones.
La scelta dei The Apers cade quindi su Another Day, pezzo estratto da Go Down e Tomorrow She Goes Away da Mondo Bizzarro.
Invece i The Manges optano per It's All Over You Know di Reanimate My Heart, e Go Mental tratto da Road To Ruin.
C'è poco da dire, è un dischetto ben riuscito ed entrambe le band svolgono il proprio lavoro in maniera senza dubbio egregia: si può discutere al massimo sulla scelta dei pezzi.  Sotto questo punto di vista forse pendo un po' di più per il lato dei The Apers partendo dal presupposto che ho apprezzato tantissimo le scelte di entrambe le band, decisamente di classe e nient'affatto banali.
Il disco è andato in pochissimo tempo in SOLD-OUT, quindi se non l'avete preso oramai siete praticamente fottuti. Tuttavia, per i peccatori, esiste ancora una piccola possibilità: è apparso uno speranzoso COMING SOON nello Striped Punk Rock Shop dei Manges, tenete quindi gli occhi aperti perchè con uno po' di fortuna potrete beccare qualche copia avanzata dal tour asiatico o più probabilmente una nuova stampa versione europea.


» ENGLISH VERSION «



TRACKLIST:
THE APERS Side
1. Another Day (The Manges)
2. Tomorrow She Goes Away (The Ramones)
THE MANGES Side
1. It's All Over You Know (The Apers)
2. Go Mental (The Ramones)

BANDS:
THE APERS:
Kevin Aper - Vocals, Bass
Ivo Backbreaker - Drums
Max Power - Guitar
Mikey Bat Bite - Guitar 

THE MANGES:
Mass: bass
Manuel: drums
Mayo: guitar
Andrea: guitar, vocals 



27 ott 2012

The Ponches - 2012 - The Long Goodbye



In occasione del centesimo concerto dei Tough del 21 Settembre, obbligatoriamente ci si è organizzati con una bella macchinata direzione Piacenza vista l'occasione proprio ghiotta: si festeggiano i Tough, ma suonano anche i Ponches.
Ho ascoltato qualche pezzo su youtube e letto diverse recensioni fidate con verdetto pressocchè unanime sia per lo split con Johnny Terrien and the Bad Lieutenants (ne parlerò più avanti) che per "The Long Goodbye": ci sono quindi tutti i presupposti per fare spesa al banchetto dei Ponches.

Mettici pure che si parla un gran bene di questi ragazzi e la curiosità raggiunge livelli stellari, mea culpa non averli mai visti dal vivo prima perchè oltre a suonare veramente bene, hanno dei pezzi strepitosi e questo bel CD ne è proprio la prova!
La grafica del cd - realizzata da Tony Kelvin, bassista della band - è semplice ma ben curata nei dettagli e oltre a una simpatica personalizzazione del logo della Monster Zero versione astronauta, c'è tutto quello che ci deve essere in un libretto: testi (Dee Dee benedica ogni band che li mette!), crediti, ringraziamenti, e anche una foto del gruppo.

I 4 torinesi, sotto l'ala prottetrice di Andrea Manges (ospite in due canzoni), sparano 12 pezzi in 20 minuti  davvero eccellenti: il sound della band è palesemente influenzato dai Manges, una delle mie band preferite in assoluto ma, attenzione, qui non stiamo parlando di un banale scimmiottamento; assimilata la lezione spezzina i ragazzi esprimono la propria creatività sviluppando un proprio sound con risultati davvero notevoli. Permettetemi il termine, ecco a voi il primo caso perfettamente riuscito di mangescore!
I brani, tutti decisamente veloci, si susseguono con ritornelli super-catchy e "poppettosi" e dopo 2-3 ascolti non mi è affatto venuto difficile canticchiare qualche canzone come "Easy Come Easy Go", "Star Wars Inside Me" (la sola citazione di Star Wars mi fa perdere obiettività), "It's all up to you" e "Korean Ship On The Horizon" che a mio avviso sono tra i pezzi migliori.
Curiosa e ben riuscita anche la cover You Ain't Seen Nothing Yet  : dimezzata la durata e forgiata su una struttura essenziale (quel balbettìo è troppo fico!) il pezzo ha assunto la caratteristiche di un vero e proprio brano punk-rock; per come la vedo io, se è necessario mettere una cover in un album, molto meglio una interpretazione come hanno fatto loro, anziché il solito brano dei Ramones che tanto sarà sempre imparagonabile con l'originale.
E chi se ne frega se la pronuncia a volte non è impeccabile, questo è un disco che bisogna a tutti i costi avere, c'è poco da aggiungere.
Accattativillo che difficilmente resterete delusi!

» ENGLISH VERSION «

TRACKLIST
01 - The 13th Round
02 - Easy Come Easy Go (feat. Andrea Manges)
03 - Casablanca Cafè
04 - It's All Up To You
05 - Ferriera Beach
06 - Korean Ships On The Horizon (feat. Andrea Manges)
07 - Star Wars Inside Me
08 - You Ain't Seen Nothing Yet (Bachman–Turner Overdrive)
09 - The Girl On The Telephone
10 - Not Fine
11 - Sleeping
12 - The Long Goodbye


LINE-UP

Zack: voce, chitarra
Bolzo: chitarra
Tony: basso
Larry: voce, batteria


CONTATTI: 
Facebook  - Sito WebE-mail


LABEL : Monster Zero Records
Facebook - Sito Web - E-mail