Visualizzazione post con etichetta hard-ons. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta hard-ons. Mostra tutti i post

29 mag 2014

Gems From The Past: Hard-Ons - 1990 - Yummy!


Con il post di oggi inauguriamo una nuova rubrica. Già dal nome è possibile intuire le intenzioni. Ho sempre ritenuto utile ed interessante discutere di album vecchi del passato, ripercorrere in qualche maniera le emozioni, le sensazioni e i brividi che certi dischi hanno lasciato in maniera indelebile oltre ad aver dettato le linee guida e quelle progressioni di accordi che migliaia di band in tutto il globo hanno copiato e assimilato in milioni di canzoni... Inoltre, in quanto musicista fallito a tempo perso, in questi anni ho avuto la fortuna di conoscere e fare amicizia con tante persone con la mia stessa passione.. ho pensato quindi che coinvolgendo anche altre amici, la rubrica potesse risultare più interessante. 

Ho subito pensato a Massi Chromosomes come "sverginatore" di Gems From The Past. Per quale motivo? Perché è uno della vecchia scuola e certi dischi li ha vissuti sulla propria pelle, perchè i Chromosomes sono uno di quei gruppi italiani che non puoi non amare, perchè sin dalle prime parole scambiate c'è stata subito sintonia,  e perchè dopo 20 anni suona ancora con la stessa passione. Non è abbastanza?
Vi lascio al racconto di Massi tutto cuore e passione...proprio quello che volevo io.




La vita a volte cambia con le piccolissime cose. Non te ne rendi conto subito, bensì col passare del tempo che qualcosa ti ha cambiato, quel qualcosa che se non ci fosse stato a quest'ora saresti stato un onesto impiegato, con una vita semplice, con quei due o tre picchi di delirio legati a vacanze standard tipo Ibiza o Sharm El Sheik, con le giornate scandite dagli orari classici e le sere all'insegna della Tv, il weekend esplodevi in aperitivi e ti sentivi vuoto se non riuscivi ad acchiappare la ragazza giusta, anzi, ti sentivi vuoto se non acchiappavi nessuna ragazza. Non te ne saresti accorto ed era già lunedì.
E invece io ho sempre avuto una passione per la musica e allora compravo dischi invece che scarpe, ascoltavo la radio invece che andare a ballare, lavoravo saltuariamente e mi rinchiudevo in cantina con quei 4 o 5 amici (drogati e gay, come venivano considerati i musicisti 30 anni fa) a strimpellare chitarracce incocciate e cantare canzoni sconosciute alla massa.
Non mi sono mai sentito migliore degli altri, però storcevo la bocca quando la gente che incontravo sembrava appoggiasse appena appena l'orecchio sulla musica che ascoltavo: è rumore, sono sudici, sono drogati, la batteria è tutta uguale, la chitarra ha un suonaccio, dicono parolacce.
Erano gli ultimi spiccioli degli anni 80, i musicisti mainstream erano belli, puliti, parlavano d'amore e io me ne stavo nel ghetto coi Ramones. Poi un mio amico mi porta un LP di un gruppo australiano appena uscito e comprato per caso a Firenze in un noto negozio di dischi alternativo e da lì scoprii un mondo oltre. Scoprii che i Ramones non erano soli, che il punkrock non solo non era morto anni prima ma non era neanche qualcosa per nostalgici outoftime confinati in due-tre città del mondo. Scoprii gli Hard-ons.
Il disco era Yummy, il loro “esordio” dichiaratamente mondiale, dopo 2 dischi più esclusivi ma bellissimi, che comunque scoprirò in seguito. Il vinile dura poco più di venti minuti, 3, forse 4 accordi, coretti, qualche parolaccia istintiva, un po' d'amore adolescenziale e ribelle, una chitarra che galleggia tra metal e punk, una voce deliziosa e quel look meticcio che dava pure il tocco esotico e che ti faceva anche un po' venire l'Australia dreaming.
Musicalmente è tutto. E' tutto il punk rock che verrà composto e scritto fino ad oggi. Soffermarsi ed analizzarlo tecnicamente e artisticamente non serve molto, Where did she come from è il riassunto di come deve essere una canzone punk rock, con un tot di pop, con un testo semplice, con i coretti giusti, con il tempo di batteria perfetto, gli accordi La-Re, l'assolino... Sembrerebbe così facile. La lezione dei Ramones qualcuno la doveva raccogliere e loro l'hanno raccolta costruendo un disco che è stato, è e resterà un punto fermo della rinascita del punk rock ma anche della mia vita, quel cartello stradale che ti indica la strada giusta e che poi ti farà scoprire altri mondi, altri gruppi musicali, altri amici. Potrei citare Raining oppure On and on, potrei dire che Me or You è una canzonetta da poco ma te prova a toglierla dalla tua playlist e vedrai come ne sentiresti la mancanza.
Quell'arpeggio buffo messo lì chissà perché e che risponde al titolo di Jaye's song l'avrò suonato mille volte, mi ci esercito tutt'ora. Something I dont want to do dura 24 secondi e non sarebbe dovuta durare neanche un secondo di più, Feast on flesh è una falsa cattiva che non farebbe male a una mosca.
Ebbene sì, Yummy mi ha cambiato la vita, era il 1990. O giù di lì.

Massi Chromosomes

» ENGLISH VERSION «


TRACKLIST 
A1 - Where Did She Come From?
A2 - Raining
A3 - Dull
A4 - Cool Hand Luke
A5 - Something I Don't Want To Do
A6 - Sit Beside You
A7 - Jaye's Song
A8 - On And On
B1 - Ain't Gonna Let You Go
B2 - Me Or You
B3 - Spew
B4 - Fade Away
B5 - Little Miss Evil
B6 - Wait Around
B7 - Feast On Flesh
B8 - Stairway To Heaven

BAND
Ray - Bass
Keish - Voice, Drums
Blackie - Guitar

22 ott 2012

Hard-Ons + Tough + Teenage Gluesniffers - 19.10.2012 - Live @ Arci Lo-Fi (MI)


Con qualche giorno di ritardo, mi appresto a scrivere un breve report sul recente passaggio a Milano degli australiani Hard-Ons. Definire cosa fanno è sempre stato un problema: punk-rock? pop-punk?hardcore?metal? ma chi se ne fotte!  Spaccano i culi ed ero proprio curioso di vederli.
Non sono la mia band preferita e non li conosco bene, ma il salto era d'obbligo soprattutto perché il posto è a due passi da casa mia. La location è l' Arci  Lo-Fi, che negli ultimi anni si sta rivelando uno dei posti più interessanti per le ottime serate che sta organizzando.
Mi avvio quindi al concerto, inizio previsto per le 22:30 circa, come al mio solito arrivo un po' in ritardo e preso da una chiacchierata fuori con qualche amico su quella che potrà essere la scaletta degli Hard-Ons, mi perdo l'inizio dei Teenage Gluesniffers.
Recentemente è uscito il loro nuovo album, Chinese Demography, che potete ascoltare qui.
Dentro il locale c'è già parecchia gente ma la maggior parte è interessata ai vari banchetti di dischi o a sorseggiare qualche birra, io mi posiziono davanti e seguo con interesse i pezzi. I ragazzi si divertono e anche io ascolto con piacere il concerto. Passata una mezz'oretta scarsa, tra una dedica e l'altra e l'esecuzione dei pezzi del nuovo album, scendono dal palco ed è il turno dei Tough, che non hanno bisogno certo di presentazioni, essendo una delle realtà più interessanti del Belpaese.
Li ho visti diverse volte e in diverse circostanze, ma secondo me, questa volta hanno proprio spaccato! Anche loro hanno suonato circa una mezz'oretta e, come i Ramones ordinano eseguono uno dopo l'altro i pezzi secondo me più belli della loro discografia come Daddy Beats Me, Ramones On My Stereo, Radio Pop, Blood And Candies, Beer Motherfucker,Wasted ecc ecc, c'è spazio anche per i pezzi dello split con gli Invalids, Claire degli Stinking Polecats, e il giusto tributo ai Ramones (l'esecuzione di Crummy Stuff è ormai un "classico" della band). Il pubblico sempre più numeroso gradisce l'esibizione: si canta, e gli indici alzati sono davvero tantissimi.
Sarà stata la scaletta tirata o il feeling che cresce sempre di più tra i ragazzi, ma questa è stata la volta che mi sono piaciuti di più in assoluto. Promossi a pienissimi voti!
Presto, entreranno in studio per la registrazione del nuovo album, a questo punto non ci resta che aspettare.
Scaldato, il pubblico adesso numerosissimo, è il momento degli Hard-Ons. Il pubblico attende, soprattutto nelle prime file, l'inizio del concerto.
Ci sono tantissime facce nuove e qualche "anzianotto" tornato giovane per l'occasione: tutto ciò conferma che molta gente si muove oramai solo quando ci sono i "nomi grossi".
Salgono sul palco e iniziano a bomba, eseguono pezzi velocissimi al limite del trash-metal:  assoli kilometrici, growl a go-go, basso super pompato e batteria che pesta di brutto. Mi sembra di vivere un'incubo e la conferma avviene quando vedo nelle prime file qualcuno che, anziché alzare l'indice al cielo, esegue il gesto delle corna. Brrr, brividi di freddo! Sono nel posto sbagliato!
Dietro di me qualcuno dice: "C'è poco da fare, il lato pop l'hanno abbandonato, oramai fanno questo!".
Come non dargli ragione! Verso, metà concerto alleggeriscono i toni e spunta qualche pezzo più pop, come Sit Beside You: inizia quindi a stamparsi sul mio viso un sorriso ebete di purissimo gradimento.
Gli Hard-Ons, tentano di interagire con il pubblico, ma ben pochi capiscono le battute (Blackie che dà del cinese a Ray) e tra una metallata e l'altra spuntano i classici della band come Suck And Swallow o Think About You Every Day. Siparietto divertente a metà concerto: il pubblico chiede insistentemente Girl in the sweater, loro rispondono "Si, eccola, la facciamo adesso", in realtà eseguono una metallata terrificante.
Verso fine concerto, quando l'ago della bilancia pende inesorabilmente verso il disappunto, gli Hard-Ons eseguono i pezzi che volevo sentire davvero come "Where Did She Come From?" e "Girl in the sweater", equilibrando alla grande le metallate che ho faticato a digerire.
Finito il concerto tutto sommato soddisfatto, saluto rapidamente qualche amico e scappo di corsa a casa, visto il volo che mi attende da lì a poco. Con infinito disappunto sono costretto a  saltare il rito del banchetto che si prospettava davvero interessante, spero ci sarà presto occassione per rifarsi.


PS: piccolo OFF-TOPIC, voglio esprimere la mia massima solidarietà al LO-FI, ad Hard-Staff e Vampata per quanto è successo al concerto dei MAD SIN.
Non esistono scuse e motivazioni valide per un gesto così ridicolo e irrispettoso verso i fan e gli organizzatori da parte di un gruppo che dovrebbe essere formato da professionisti.
Scendete dal piedistallo, per favore, manco foste i Beatles!