Visualizzazione post con etichetta it's alive records. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta it's alive records. Mostra tutti i post

15 set 2014

The Manges - 2014 - All Is Well



Mea Culpa. Vorrei inginocchiarmi sui ceci e prendermi a schiaffi da solo per aver fatto passare così tanto tempo prima di scrivere questa recensione. All Is Well è uscito da un sacco di mesi.. e..ho aspettato tanto prima di scrivere due righe. Un po' per impegni, un po' perchè fondamentalmente sono un cazzaro.
All Is Well è l'ennesima fatica dei Manges, uscita per Monstero Zero, It's Alive e Dumb Records. Insomma le migliori label nel panorama. Di questo disco ormai se ne è parlato già abbastanza, e di sicuro la mia recensione non sarà una sorpresa. In ogni caso, ci tenevo a dire la mia.
Il nuovo disco dei Manges, spacca. I Manges si sono re-inventati. Potevano fare un nuovo album uguale a Go Down oppure Bad Juju e fare contenti tutti a prescindere, invece hanno cercato una via nuova ( per divertimento o stimoli non importa) e se il campo dell'innovazione nel punk-rock è seminato di mine anti-uomo, affidandosi ad Hervè dei Peawees il quartetto spezzino ha trovato probabilmente l'unica strada percorribile per essere "promossi" dalla "scena punk-rock", che sappiamo tutti essere molto aperta alle novità.
Non nascondo che già al primo accordo, sono rimasto un po' spiazzato da questo sound un po' sixties Pre-Ramones (o proto-punk o come cazzo si chiama) che non suona proprio "alla Manges"... ma già al secondo ascolto All Is Well mi ha conquistato, perchè suona spontaneo, perchè suona fresco e soprattutto perchè è divertente.
I Manges riescono a colpirci ancora una volta coverizzando I Tried To Die Young (oh, io Melanie Safka non la conoscevo affatto) e infilando una serie di pezzi fantastici come My Bad, Plan Honululu, Don't Screw Up The Formula, Lone Commando (All is Well)  destinati a finire tra i classici della band, spiazzano tutti ancora una volta e conquistano i nostri cuori.
E se siete tra quelli preoccupati per il gain delle chitarre, state tranquilli che dal vivo come al solito ci fanno il culo in quattro.
Se ancora non hai comprato All is Well, rimedia, sei ancora in tempo. Adios.

» ENGLISH VERSION «

TRACKLIST

01 - Crocodile In My Head
02 - My Bad
03 - Plan Honolulu
04 - Love Is A Disease
05 - Panic At The Ice Rink
06 - Don’t Screw Up The Formula
07 - Don't Bet On Me
08 - I Tried To Die Young
09 - Topolinia
10 - Secret Agent Super Dragon
11 - I Just Wanna Make You Cry
12 - Lone Commando (All Is Well)



BAND

Andrea: lead vocals, rhythm guitars, lead guitar on “Topolinia”
Mass: bass, backing vocals, lead vocals on “Secret Agent Super Dragon”
Manuel: drums
Mayo: lead and rhythm guitars, backing vocals

Hervé Peroncini: additional guitars, percussions, backing vocals
Pierluigi Ballari: organ, piano
Bruno Barcella: percussions

20 apr 2014

3 Shots For Easter

                                                               
La domenica di Pasqua, per quanto mi riguarda, è storicamente una domenica normale, ma senza partite. Approfittando quindi del tempo, faccio il mio esordio su IBR con una tripla recensione di dischi che hanno monopolizzato i miei ascolti nelle ultime settimane, in ordine di gradimento.
                                              
Lawrence Arms - 2014 - Metropole


Torna, dopo ormai quasi sette anni dal meraviglioso Oh, Calcutta!, una delle mie band preferite di sempre. Ho atteso l'uscita con particolare ansia, e non nascondo di essermi trovato un po' interdetto di fronte al primo singolo You are here, che non mi ha entusiasmato particolarmente. L'ascolto del disco per intero è stata una liberazione; come in passato, i miei preferiti rimangono i pezzi cantati da Brendan Kelly, più urlati e truci sia musicalmente che a livello di liriche. Si va da pezzi che trasudano disagio urbano come Chilean District o Paradise Shitty a poesie come Seventeener. Il tutto secondo un unico filo conduttore, ovvero la crescita (e/o l'invecchiamento, vedete voi), raccontando storie sulla propria città (Chicago) e su luoghi in perenne cambiamento.
La palma d'oro del pezzo migliore, ed è strano tenendo conto dei miei gusti relativamente ai TLA, la vince Beautiful Things, cantata da Chris. Un disco profondo ed emozionante, c'è poco altro da aggiungere. 
Unica pecca: il booklet è come al solito farcito di citazioni letterarie, una per ogni pezzo...rispetto ai dischi precedenti, però, mancano completamente i riferimenti rispetto a dove siano state tratte. Ma questa è una perversione mia e li perdono.

Zatopeks - 2013 - About bloody time


Secondo nella mia classifica per mezzo punto. Nelle pause che mi sono concesso da Metropole ho consumato il nuovo disco degli Zatopeks, ormai da anni divisi tra Londra e Berlino. Uscito per la It's Alive, About bloody time è il disco che ti aspetti dagli Zatopeks. Punk rock alla Ramones, echi di rock'n'roll anni '50, ballatone. Il tutto nello stile poetico a cui ci hanno abituati i cinque inglesi con i dischi precedenti. Si parte da One Evening e Alert!, classici pezzoni in quattro quarti; quest'ultima impreziosita da strofe parlate e declamate dal megafono. Si procede tra accelerate improvvise (Politics, Neu-Isenburg) e ballads quasi commoventi (Acetate). 
Aggiungeteci che live sono divertentissimi e sono dei ragazzi d'oro. Questo per quanto mi riguarda è sufficiente. Bentornati Zatopek Boys!

The Menzingers - 2014 - Rented World


Mmm...aspettative troppo alte dopo On the impossible past e il nuovo singolo In remission rendono Enri un po' perplesso. Il disco è oggettivamente bello, ma la sterzata verso terreni meno aggressivi è evidente. Poche urla, poche sfuriate, un disco molto più indie nel senso un po' pallosino del termine rispetto al precedente. I pezzi belli ci sono (Where your heartache exists e la stessa In remission sono delle bombe), per il resto mi viene a mancare un po' quella sensazione disperata e lancinante che mi aveva lasciato On the impossible past. Peccato, ma li aspetto comunque al Groezrock!

» ENGLISH VERSION «

Lawrence Arms - Metropole    

TRACKLIST:
01 - Chilean District
02 - You Are Here
03 - Hickey Avenue
04 - Seventeener (17th and 34th)
05 - Beautiful Things
06 - Acheron River
07 - Metropole
08 - Drunk Tweets
09 - The YMCA Down the Street from the Clinic
10 - Never Fade Away
11 - Paradise Shitty
12 - October Blood    

BAND:
Brendan Kelly - Vocals, Bass  
Chris McCaughan - Vocals, Guitar
Neil Hennessy - Drummer      

Zatopeks - About Bloody Time

TRACKLIST:

01 - One Evening                        
02 - Alert!                              
03 - The Romance Of A Bus Stop In The Rain
04 - Politics
05 - Acetate
06 - Neu-Isenburg
07 - Wait For The Fall
08 - Chequerboard                        
09 - Exile Blues
10 - Baltic Moon
11 - Mechanised
12 - Life Is Elsewhere

BAND:
Will DeNiro - vocals
Sebby Zatopek - guitar
Pete Sematary - drums
Sammie the Giant - bass, vocals
Spider - guitar, vocals


The Menzingers - Rented World

TRACKLIST:
01 - I Don't Wanna Be An Asshole Anymore
02 - Bad Things
03 - Rodent
04 - Where Your Heartache Exists
05 - My Friend Kyle
06 - Transient Love
07 - The Talk
08 - Nothing Feels Good Anymore
09 - Hearts Unknown
10 - In Remission
11 - Sentimental Physics
12 - When You Died

BAND:
Greg Barnett - Guitar/Vocals
Tom May - Guitar/Vocals
Eric Keen - Bass
Joe Godino - Drums

23 dic 2013

The Visitors - 2013 - Yeti



Conobbi i Visitors un po' per caso: girovagando per Youtube alla ricerca di bands nuove, dopo il 500esimo skip consecutivo finalmente sentii un pezzo - South for the Summer - che mi colpì all'istante. Notai subito che una delle voci era decisamente familiare, infatti dopo qualche chiacchiera e un paio di ricerche scoprii che c'è era di mezzo Skottie dei Creeps (anche dei Crusades e  adesso anche di una nuova band chiamata Black Tower) e considerando la mia devozione per il suo gruppo principale...fu quasi automatico innamorarsi in poco tempo anche dei Visitors.
Così dopo un paio di EP, qualche mese fa finalmente è uscito il nuovo full length della band, chiamato Yeti,  ennesima perla targata It's Alive; grazie alla Brassneck Records sono riuscito a procurarmi questo bel vinile, senza essere dissanguato dalle spese di spedizioni dagli Stati Uniti.
Il disco si presenta proprio bene: vinile celeste, inoltre layout e artwork (realizzati da Erin, bassista della band) sono curati nei minimi dettagli, questo senza dubbio è un punto a favore per chi tiene conto anche di quest'aspetto. I pezzi sono stati registrati ad Ottawa nell'inverno del 2011 ai Meatlocker Studios, mixati da Jordan Bell all' Atomic Audio e quindi affidati a Dave Williams del Rock Among Us per il master finale. Una lunga gestazione, senza dubbio, ma ne è falsa la pena.
L'album è composto in totale da 10 tracce che già al primo ascolto sono riusciti ad attirare la mia attenzione.
Infatti, l'ascolto fila liscio come l'olio, con la giusta dose di melodia presente anche nei pezzi con atmosfere più cupe.  Nonostante alcuni brani potrebbero mettere in evidenza delle affinità sia con i Creeps (vedi Nowhere) che con i Crusades (Unicorn In The Mist) orecchie attente non faranno fatica ad individuare una propria personalità anche per questa band, grazie anche alla frequente alternanza di tre ottime voci, che rappresentano sicuramente il vero valore aggiunto della band.
Sinceramente questi pezzi mi piacciono tutti, e scegliere dei preferiti non sarebbe giusto. Certo, se dovessi consigliare cosa ascoltare per prima vi indicherei Surfin', Vlad (c.1458), Nowhere o Havin' Fun (On A Mountain Top).
Tutto sommato il 2013 è stato un'anno soddisfacente, che ci ha regalato ottimi dischi e tante belle sorprese, e non fatico a mettere Yeti nella mia personale TOP 5.  Non mi resta quindi che sperare di poterli vederli dal vivo da queste parti prima o poi. Nel frattempo, ascoltate e poi acquistate, andrete a colpo sicuro.
» ENGLISH VERSION «


TRACKLIST
Side A
01 - Havin' Fun (On A mountain Top)
02 - Amsterdam
03 - Nowhere
04 - Golden Coast
05 - Unicorn In The Mist
Side B
06 - Vlad (c.1458)
07 - Miles
08 - Surfin'
09 - Salem
10 - Sasquatch
All songs by The Visitors



BAND:
Erin : Bass & Vocals
Kevo Polo : Drum & Vocals
Skottie : Guitar & Vocals

17 gen 2013

The Mugwumps - 2007 - Banana Brain




Ok, avete presente il disco perfetto che vorreste ascoltare dopo ogni acquisto? Eccolo qui.
Potrebbe finire già così la recensione di Banana Brain uscito oramai nel 2007 per la Bachelor Records in vinile (500 copie numerate a mano, la mia è la 432) e in cd, l'anno successivo, dalla sempre attenta Monster Zero di Kevin Aper. In ogni caso faremo un passo indietro, e parleremo in breve della band e del disco, una vera gemma che consiglio a tutti di avere nella propria collezione di dischi.
The Mugwumps ( da non confondere con la rock band americana ) sono/furono un terzetto punk rock proveniente dal Tirolo, Austria con alle spalle una breve ma validissima discografia: oltre al disco in recensione, gli austriaci hanno pubblicato due 7" "...Slit Your Tire" per la Varmint Records"Do Time"  per la It's Alive Records . Dopodichè (purtroppo) il silenzio più assoluto.
L'album è stato registrato (in due soli giorni) e mixato al Madras Prison Studio di Monaco per mano di Hank Spinalzo, vecchia conoscenza del rock 'n roll tedesco. Il master invece è opera di Hartmut Welz, mentre foto e grafica sono state realizzate da un certo Mario. All'interno è presente anche un bel librettino dal sapore DIY/old school con tanto di testi, foto e info del disco; giusto per rendere il tutto ancora più figo.
Banana Brain comprende 10 pezzi al fulmicotone con temi, spesso ironici e amati dai punk rockers:  ragazze, amori, invasioni aliene, club di merda e scena ( a quanto pare nemmeno in Austria sono messi così bene!). Il sound mi ricorda piacevolmente i Riverdales, Retarded e The Vapids: se amate queste band non potrete fare a meno di adorare anche questo disco! I pezzi sono pressoché essenziali come il Vangelo del Three-Chords impone: zero assoli, zero virtuosismi, qualche coretto, ritornelli super-catchy e tanta velocità: insomma cosa si vuole di più da un disco punk-rock?
Individuare i pezzi migliori per me è davvero un compito troppo difficile, brani come Don't Have A Clue, That Heartbeat, Banana Brain, We Hate Your Club o Radiate My Brain entrano dritti nel cuore al primo ascolto, c'è poco da fare. Compratelo e basta, cazzo!
Il gruppo è in stand-by dal 2009 ma l'ultima newsletter della Monster Zero parla di una nuova uscita (Mugwumps pubblicheranno una cassetta con 20 canzoni per Campfire Tapes – Questo non è uno scherzo!): sinceramente non ho capito quanto questa notizia possa essere veritiera, sta di fatto che le ultime notizie pubblicate dalla band sul proprio sito, ormai molto tempo fa, parlavano di 6 pezzi registrati per un 7" e 14 pezzi pronti per un nuovo full length...se la matematica non è un opinione....
Incrociamo le dita!

» ENGLISH VERSION «


TRACKLIST:

01 - Alien Motion Technology
02 - Talk To Me
03 - Don't Have A Clue
04 - Banana Brain
05 - That Heartbeat
06 - We Hate Your Club
07 - The Sign
08 - You're A Sneak
09 - Radiate My Brain
10 - Red Beret

BAND:

Chris Mug - vocals, guitar
Andy Hectic - drums
Hank Hollywood - bass, back-ups

LABELS:

BACHELOR RECORDS / MONSTER ZERO